Modifica regolamento caccia al cinghiale: le proposte di Anuu Lazio

Modifica regolamento caccia al cinghiale, ecco le proposte di Anuu Lazio.

1) Assegnazione punteggio per i non resti zona di caccia pari ai cacciatori resti Comune di Roma;

2) Disciplinare meglio caccia zone pre-parco. Ed esempio: se i cacciatori resti non raggiungono il numero, secondo i criteri fissati, dare più giornate ai resti nell’ATC;

3) Assegnare la cartografia delle zone di caccia al cinghiale ai Sindaci (ufficio tecnico), per una migliore conoscenza del territorio e soprattutto delle esigenze sia del mondo venatorio che dei pastori ed allevatori. Naturalmente sotto la Direzione degli Ada provinciali che dei guardiacaccia provinciali;

4) Diminuzione della tassa regionale per i cacciatori resti zona pre-parco laziale proporzionalmente alle giornate perse a seguito della sentenza Consiglio di Stato 13.12.2018.

L’Anuu Lazio torna a rivolgere un forte invito a tutti gli attori a fare “cartello” al fine di ottenere una polizza assicurativa con i più alti massimali possibili nei confronti di cacciatori che purtroppo subiscono infortuni. Occorre al riguardo cercare di ottenere un rimborso per le spese mediche e fisioterapia il più alto possibile, oggi del tutto inesistente oltre all’innalzamento della cifra I.P. senza punti di franchigia.

Consultazione pubblica sul piombo

In merito all’urgente tema della limitazione dell’utilizzo del piombo nelle munizioni, per cui il Parlamento europeo discuterà la proposta di ECHA (Agenzia Europea per le sostanze chimiche) a febbraio 2020, vi informiamo che l’Agenzia ha aperto un portale sul proprio sito sul quale è possibile inviare commenti, allegati e dati.

In allegato vi trasmettiamo le modalità e le istruzioni per poter intervenire in questa urgente consultazione pubblica online (in francese o inglese) unitamente alla traduzione del questionario in italiano per una più veloce compilazione.

Tale consultazione si chiuderà il 16/12/2019 per cui invitiamo tutti a partecipare con sollecitudine inviando note e commenti al fine di contribuire a far chiarezza sul tema e, soprattutto, a migliorare il dialogo tra istituzioni europee e nazionali, agenzie, enti e cittadini.

A disposizione per qualsiasi chiarimento, grazie e cordiali saluti.

La Segreteria

nel link in basso i dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA SUL PIOMBO ENTRO 16.12.2019

Pesca sportiva, obbligatorio il possesso del tesserino

Dal 1° novembre chi esercita la pesca sportiva, o ricreativa dilettantistica, dovrà essere in possesso di apposito tesserino segna catture, come disciplinato dal regolamento regionale 7/2019. Il tesserino avrà validità dal 1 novembre al 31 di ottobre dell’anno successivo. Ciascun pescatore ne potrà richiedere solo uno e, comunque, qualora gli spazi per le annotazioni siano terminati ne potrà chiedere uno aggiuntivo nel rispetto dei termini di riconsegna, entro e non oltre il 30 di novembre di ogni anno.

Sul tesserino segna catture devono essere annotati, a cura del pescatore sportivo: la giornata di pesca; il luogo di pesca; la specie ittica pescata e il numero dei capi pescati o il quantitativo dei pesci catturati per specie. Il tesserino segna catture è ritirato e consegnato presso l’ADA (Area Decentrata Agricoltura) competente per il territorio di residenza o in alternativa può essere ritirato e riconsegnato anche dalle associazioni di pescatori riconosciute a livello nazionale, con delega dei propri iscritti.

Ai pescatori residenti nel territorio regionale di età inferiore ai diciotto anni o superiore ai sessantacinque e ai cittadini diversamente abili non è richiesta la licenza (o ricevuta di versamento) per l’esercizio della pesca sportiva o dilettantistica; ma resta comunque l’obbligo il ritiro del tesserino presso le strutture competenti.

Lo comunica la Regione Lazio.