Consultazione pubblica sul piombo

In merito all’urgente tema della limitazione dell’utilizzo del piombo nelle munizioni, per cui il Parlamento europeo discuterà la proposta di ECHA (Agenzia Europea per le sostanze chimiche) a febbraio 2020, vi informiamo che l’Agenzia ha aperto un portale sul proprio sito sul quale è possibile inviare commenti, allegati e dati.

In allegato vi trasmettiamo le modalità e le istruzioni per poter intervenire in questa urgente consultazione pubblica online (in francese o inglese) unitamente alla traduzione del questionario in italiano per una più veloce compilazione.

Tale consultazione si chiuderà il 16/12/2019 per cui invitiamo tutti a partecipare con sollecitudine inviando note e commenti al fine di contribuire a far chiarezza sul tema e, soprattutto, a migliorare il dialogo tra istituzioni europee e nazionali, agenzie, enti e cittadini.

A disposizione per qualsiasi chiarimento, grazie e cordiali saluti.

La Segreteria

nel link in basso i dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA SUL PIOMBO ENTRO 16.12.2019

Pesca sportiva, obbligatorio il possesso del tesserino

Dal 1° novembre chi esercita la pesca sportiva, o ricreativa dilettantistica, dovrà essere in possesso di apposito tesserino segna catture, come disciplinato dal regolamento regionale 7/2019. Il tesserino avrà validità dal 1 novembre al 31 di ottobre dell’anno successivo. Ciascun pescatore ne potrà richiedere solo uno e, comunque, qualora gli spazi per le annotazioni siano terminati ne potrà chiedere uno aggiuntivo nel rispetto dei termini di riconsegna, entro e non oltre il 30 di novembre di ogni anno.

Sul tesserino segna catture devono essere annotati, a cura del pescatore sportivo: la giornata di pesca; il luogo di pesca; la specie ittica pescata e il numero dei capi pescati o il quantitativo dei pesci catturati per specie. Il tesserino segna catture è ritirato e consegnato presso l’ADA (Area Decentrata Agricoltura) competente per il territorio di residenza o in alternativa può essere ritirato e riconsegnato anche dalle associazioni di pescatori riconosciute a livello nazionale, con delega dei propri iscritti.

Ai pescatori residenti nel territorio regionale di età inferiore ai diciotto anni o superiore ai sessantacinque e ai cittadini diversamente abili non è richiesta la licenza (o ricevuta di versamento) per l’esercizio della pesca sportiva o dilettantistica; ma resta comunque l’obbligo il ritiro del tesserino presso le strutture competenti.

Lo comunica la Regione Lazio.

Gara cinofila con abbattimento del selvatico: appuntamento Domenica 17 Marzo a Fara Sabina

Appuntamento il prossimo 17 Marzo alle ore 7.00 a Torre Baccelli, a Fara Sabina, per la 1^ prova della selezione regionale 2019 valida per accedere al campionato nazionale aperta ai soci Anuu in regola con il tesseramento e relativo porto d’armi valido. Verranno premiati i primi tre classificati di ogni categoria, INGLESI e CONTINENTALI con medaglie. Quota d’iscrizione fissata in 10 euro a cane con abbattimento di 2 selvatici (quaglie) a concorrente. Possono essere iscritti più cani.

La seconda prova verrà svolta il 7 Aprile nello stesso luogo.

Per info: 339 2139385

Cinghiali in centro città a Frosinone: l’ANUU torna a chiedere l’intervento del Prefetto

La situazione è sempre più seria perché i cinghiali stanno entrando in città con sempre maggiore frequenza. L’ultimo avvistamento di un branco in Via Cosenza a Frosinone, strada parallela a Via America Latina, ha impaurito non poco gli abitanti della zona e riacceso i riflettori su un problema per il quale l’Anuu Lazio si sta battendo da diverso tempo. L’associazione torna a chiedere l’intervento del Prefetto affinché vengano organizzate di concerto con la Questura battute di caccia in zone dove i cinghiali si sono affacciati. In primo luogo occorre mettere in sicurezza la salute delle persone e successivamente difendere i campi coltivati.

Ripopolamento della lepre nel territorio sorano: decisa l’istituzione di una commissione ad hoc

Si è tenuta presso i locali del Consorzio Bonifica Conca di Sora la riunione che il direttivo dell’ATC FR 1 aveva in programma con i rappresentanti di cacciatori e delle associazioni venatorie, tra cui l’ANUU, per affrontare in particolar modo la questione del ripopolamento della lepre, discutendo su tempi modalità proposte ed accortezze utili a migliorare la presenza di tale specie sui territori in particolare dei Comuni di Sora, Isola del Liri, Arpino, Fontana Liri, Fontechiari, Casalvieri, Vicalvi, Pescosolido, Broccostella, Campoli Appennino, Posta Fibreno, Alvito, Gallinaro, Atina, Belmonte Castello, Villa Latina, San Biagio Saracinisco, Picinisco, Settefrati, San Donato di Val di Comino. Enzo Pirazzi ha evidenziato che le lepri acquistate nei paesi dell’Est non sono più di cattura ma di allevamento, ragion per cui si rivela inutile il loro acquisto che presenta, tra l’altro, un costo superiore. Per quanto riguarda le lepri argentine sussiste un problema legato al loro ambientamento climatico stagionale e non riescono ad adattarsi al nostro territorio. Rimane quindi per il ripopolamento la sola ipotesi di acquisto delle stesse da allevatori italiani, possibilmente autoctoni, della nostra provincia. Il progetto dell’ATC FR1 consiste o nel posizionamento dei recinti di preambientamento o recinti fissi per leprotti, con l’introduzione negli stessi ad Agosto e lancio/rilascio a Marzo solo ed esclusivamente nei territori vocati. Ma oltre a questo c’è bisogno della collaborazione delle aziende agricole del territorio con semina di culture a perdere non necessariamente di grandi dimensioni, meglio se di medio-piccole dimensioni, ma che coprono il maggior territorio possibile. Il presupposto principale e rimane il ripopolamento solo ed esclusivamente nei territori vocati. L’assemblea ha auspicato la presenza in provincia di almeno due o tre aziende di allevamento. C’è stato poi l’intervento di Renato Antonucci del direttivo dell’ATC in quota agricoltura e socio ANUU, che dopo aver apprezzato l’iniziativa si è soffermato sulle problematiche dell’ ATC FR1 nel passato e auspicato una più democratica gestione. C’è stato poi un breve dibattito con i presenti i quali hanno rappresentato la necessità della lotta ai nocivi senza la quale qualsiasi ripopolamento non avrebbe senso mentre Rocco Soave ha sottolineato il problema della lepre nei territori della Val Comino ricadenti nelle zone ultimamente negate la caccia. La riunione si è conclusa con il proposito della formazione di una commissione apposita sul ripopolamento lepri e con l’impegno di una prossima riunione per relazionare sull’avanzamento del progetto.

Mano tesa dell’Anuu Lazio all’iniziativa ambientale di Fare Verde Onlus

Mano tesa da parte dell’Anuu Lazio nei confronti dell’associazione Fare Verde Onlus che, in questi giorni, è impegnata nell’iniziativa “Il Mare d’inverno” per ripulire le spiagge del litorale pontino dall’enorme quantità di rifiuti accumulatisi nel corso dei mesi. Per l’ultima tappa, quella del 3 Febbraio a Sperlonga, sono pronti anche i rappresentanti dell’Associazione Migratoristi Italiani che ha nel proprio statuto, come uno degli obiettivi primari, la salvaguardia dell’ambiente, esattamente come Fare Verde: “Siamo a completa disposizione della Onlus – spiega il responsabile regionale Paolo Crocetta – per dare un sostegno significativo e questa iniziativa e alle prossime che l’associazione ambientalista vorrà mettere in campo. Anuu e Fare Verde sono accomunate dalla stessa mission, la salvaguardia dei territori, priorità assoluta che ci vede in campo per diversi progetti”. L’Associazione dei Migratoristi ha infatti raccolto centinaia di firme per richiedere il riconoscimento dello Schioppo di Frosinone quale monumento naturale e, attraverso i rappresentanti locali, ha dato vita alla pulizia delle sponde del fiume Melfa nel tratto che attraversa Casalvieri.

PRIMO PIANO: Nominati i componenti del Comitato Tecnico Faunistico Venatorio Regionale

Nominati dal Governatore del Lazio Nicola Zingaretti i componenti del Comitato Tecnico Faunistico Venatorio Regionale del quale fa parte anche il responsabile dell’ANUU Lazio Paolo Crocetta. Di seguito la composizione dell’organismo:

PRESIDENTE
 ONORATI Enrica, Assessore regionale all’Agricoltura, Promozione della filiera e della cultura del cibo, Ambiente e Risorse Naturali.

MEMBRI
 I dirigenti pro-tempore delle aree decentrate agricoltura di Lazio Nord, Lazio Centro, e
Lazio Sud o loro delegati;
 REA Antonio, designato dalla C.I.A. – Confederazione Italiana Agricoltori Associazione
Regionale del Lazio;
 CHIARINI Giuseppe Ferdinando, designato dalla Federazione Regionale Agricoltori del
Lazio, Confagricoltura Lazio;
 COLOGNESI Daniele, designato dalla Federazione Regionale del Lazio della Coltivatori
Diretti;
 POMPETTI Aldo, designato dalla Federcaccia Lazio;
 GIULIANELLI Rosato, designato dall’Unione Nazionale Enalcaccia Pesca e Tiro;
 GUARNIERI Alfio, designato dall’A.N.L.C. Associazione Nazionale Libera Caccia;
 SIDDERA Giancarlo, designato dall’ARCI Caccia;
 GUGLIELMI Luciano, designato dall’ITALCACCIA-ITALPESCA Associazione Italiana
della Caccia;
 CROCETTA Paolo, designato dall’A.N.U.U. Associazione dei Migratoristi Italiani per la
conservazione dell’ambiente naturale;
 CARTONI Galdino, designato dall’E.P.S. Ente Produttori Selvaggina;
 CASCIANELLI Domenico, designato dal W.W.F. Italia, sez. regionale del Lazio;
 SCACCHI Roberto, designato dalla LEGAMBIENTE LAZIO;
 ALBARELLA Giovanni, designato dalla LIPU Lega Italiana Protezione Uccelli, Sez. Lazio
ONLUS;
 GRILLI Tiberio, designato dall’EKOCLUB International ONLUS;
 CIUCCI Paolo, designato dall’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”;
 DI GIANNANTONIO Gianluca, designato dall’E.N.C.I. Ente Nazionale della Cinofilia
Italiana;

SEGRETARIO
 Dirigente pro-tempore dell’Area 20 – Area Politiche di Prevenzione e Conservazione della Fauna Selvatica e Gestione delle Risorse della Pesca e dell’Acquacoltura – Direzione
Regionale Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Caccia e Pesca.

Il Comitato Tecnico Faunistico Venatorio Regionale dura in carica cinque anni, non comporta oneri a carico del Bilancio regionale e non dà diritto a gettoni di presenza, rimborsi spese e/o qualsiasi altro emolumento.